LA GRANDEZZA DI PITAGORA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

LA GRANDEZZA DI PITAGORA

Messaggio  Admin il Sab Lug 18, 2009 5:48 pm

Nella vecchia tana di ARCIBAC io sostenni una tesi banale, che si compendia più o meno così : le materie scolastiche rivisitate “da grandi” parlano al nostro cuore ed alla nostra mente in un modo tutto nuovo.

Feci l’esempio della storia, ricordando episodi della nostra Resistenza sui monti.

Avrei potuto citare la letteratura italiana, ed il nostro massimo romanziere. Ero già stato messo sull’avviso da un autorevolissimo conferenziere: “I Promessi Sposi” rivisitato da adulti, se lo si rilegge più volte in età diverse, dona sempre significati nuovi e nuove perle di saggezza (a parte il fatto che quel ragazzo sarà anche antipatico ma scrive davvero bene ed insegna a scrivere). E ne ho avuto conferma facendone una prima verifica personale. il nostro romanzo più celebrato è una vera miniera di saggezza, e a trent’anni non riesci a trovarvi quelle pepite che puoi scoprirvi a cinquanta…


Recentemente ho avuto la sorpresa e la soddisfazione che mi venissero chieste lezioni private di filosofia, dopo anni, anzi decenni che conduco la vita ritirata che mi sono scelto, una vita “parabidellesca” (e, tra l’altro, la richiesta mi è stata formulata da una gran bella signora)...


Per onestà ho voluto ripassare la materia, E così ho riscoperto Pitagora. Che grande uomo, ragazzi ! Da giovane non lo potei capire.


Ora comprendo come mai dopo la sua morte sia stato quasi divinizzato.


LA GRANDEZZA DI PITAGORA:
1) Avere precorso Einstein.

2) Aver dato un fulgido esempio di onestà intellettuale, quella onestà che non seppero avere dopo di lui i grandissimi Platone ed Aristotele. Pitagora, dopo aver fondato la propria scienza, la propria scuola, la propria fama, e buona parte del sapere della propria epoca, sul concetto di “discontinuità” (quella di Pitagora è una matematica del discontinuo), seppe ammettere, senza infingimenti, che il suo concetto cardine andava in crisi, e con esso pareva crollare tutto il suo sistema di pensiero. E la crisi del pitagorismo fu un grande merito della stessa scuola pitagorica: fu prodotta dalle ricerche condotte in seno alla scuola, riguardanti le applicazioni del “teorema di Pitagora”.


3) Aver prodotto un balzo in avanti notevolissimo e coraggioso rispetto alla mentalità sociale della sua epoca: nel 500 a.C., nella Crotone di allora, ammise alla propria scuola anche le donne !!!


Ultima modifica di Admin il Mer Set 18, 2013 10:20 pm, modificato 1 volta

Admin
Admin

Messaggi : 786
Data d'iscrizione : 10.07.09

Vedi il profilo dell'utente http://vivaibidelli.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: LA GRANDEZZA DI PITAGORA

Messaggio  Bianca il Dom Ago 09, 2009 10:44 am

Sull'argomento suggerisco un libro smisuratamente illuminante "La politica totale di Pitagora" di Cristoforo Andreoli, Edizioni di Ar: vale più un libro simile di un biennio di Filosofia Antica.
Non si rifletterà mai abbastanza sulle circostanza oggettive che lo condussero a fondare un partito politico, nonché una scuola filosofica proprio Crotone.

Bianca

Messaggi : 179
Data d'iscrizione : 30.07.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: LA GRANDEZZA DI PITAGORA

Messaggio  carloiscrittocgil il Dom Ago 09, 2009 12:15 pm

Caro Davide,
ho avuto quest'anno un'avventura simile alla tua facendo ripetizioni di filosofia ad un giovane adolecente.Non posso che confermare quanto vai scrivendo avendo completato con Plotino ed Agostino,filosofi pressochè ignorati durante la gioventu', in tutto e per tutto il tipo di esperienza da te fatta con Pitagora.
Sono di nascita "Platonica",intendo come forma mentis,per cui in ossequio alla teoria della compensazione durante la mia ricerca mi sono sempre servito di strumenti "Aristotelici" dunque tuffarmi nelle atmosfere e nei pensieri che Plotino regala mi ha consentito di rivedere e sciogliere alcuni nodi della mia adolescenza,dei quali per pudore oltre che per timore di essere troppo prolisso, evito di parlare.
Anche io quindi non posso che confermare quanto il vivere certe stagioni della propria vita anzichè altre, possa consentirci di godere in fase di rilettura di cose che non è stato possibile metabolizzare prima. Per esempio l'idea del "male" come assenza dell'Essere di Agostino, che studiata a 20 anni ha una risonanza quasi esclusivamente intellettuale,durante questa stagione(sono 50 da Luglio)è riuscita a far nascere delle ispirazioni e delle intuizioni impensabili solo poco tempo fa....





Admin ha scritto:Nella vecchia tana di ARCIBAC io sostenni una tesi banale, che si compendia più o meno così : le materie scolastiche rivisitate “da grandi” parlano al nostro cuore ed alla nostra mente in un modo tutto nuovo.

Feci l’esempio della storia, ricordando episodi della nostra Resistenza sui monti.

Avrei potuto citare la letteratura italiana, ed il nostro massimo romanziere. Ero già stato messo sull’avviso da un autorevolissimo conferenziere: “I Promessi Sposi” rivisitato da adulti, se lo si rilegge più volte in età diverse, dona sempre significati nuovi e nuove perle di saggezza (a parte il fatto che quel ragazzo sarà anche antipatico ma scrive davvero bene ed insegna a scrivere). E ne ho avuto conferma facendone una prima verifica personale. il nostro romanzo più celebrato è una vera miniera di saggezza, e a trent’anni non riesci a trovarvi quelle pepite che puoi scoprirvi a cinquanta…


Recentemente ho avuto la sorpresa e la soddisfazione che mi venissero chieste lezioni private di filosofia, dopo anni, anzi decenni che conduco la vita ritirata che mi sono scelto, una vita “parabidellesca” (e, tra l’altro, la richiesta mi è stata formulata da una gran bella signora)...


Per onestà ho voluto ripassare la materia, E così ho riscoperto Pitagora. Che grande uomo, ragazzi ! Da giovane non lo potei capire.


Ora comprendo come mai dopo la sua morte sia stato quasi divinizzato.


LA GRANDEZZA DI PITAGORA:
1) Avere precorso Einstein.

2) Aver dato un fulgido esempio di onestà intellettuale, quella onestà che non seppero avere dopo di lui i grandissimi Platone ed Aristotele. Pitagora, dopo aver fondato la propria scienza, la propria scuola, la propria fama, e buona parte del sapere della propria epoca, sul concetto di “discontinuità” (quella di Pitagora è una matematica del discontinuo), seppe ammettere, senza infingimenti, che il suo concetto cardine andava in crisi, e con esso pareva crollare tutto il suo sistema di pensiero. E la crisi del pitagorismo fu un grande merito della stessa scuola pitagorica: fu prodotta dalle ricerche condotte in seno alla scuola, riguardanti le applicazioni del “teorema di Pitagora”.


3) Aver prodotto un balzo in avanti notevolissimo e coraggioso rispetto alla mentalità sociale della sua epoca: nel 500 a.C., nella Crotone di allora, ammise alla propria scuola anche le donne !!!

carloiscrittocgil

Messaggi : 38
Data d'iscrizione : 28.07.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: LA GRANDEZZA DI PITAGORA

Messaggio  carloiscrittocgil il Dom Ago 09, 2009 12:30 pm

Cara Bianca,non ti sembra buona l'idea di iniziare ad affrancarci da quei rottami che ben conosciamo,cominciando a nutrire l'anima non con del cibo surrogato farcito di risentimenti ma con delle pietanze meno indigeste e più nutrienti.....?
Ho intenzione di farlo, per cui le prossime mosse saranno l'acquisto del libro da te consigliato cercando contestualmente di mantenere la giusta distanza dalle contingenze prosaiche.
Baci e a presto.



Bianca ha scritto:Sull'argomento suggerisco un libro smisuratamente illuminante "La politica totale di Pitagora" di Cristoforo Andreoli, Edizioni di Ar: vale più un libro simile di un biennio di Filosofia Antica.
Non si rifletterà mai abbastanza sulle circostanza oggettive che lo condussero a fondare un partito politico, nonché una scuola filosofica proprio Crotone.

carloiscrittocgil

Messaggi : 38
Data d'iscrizione : 28.07.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: LA GRANDEZZA DI PITAGORA

Messaggio  Bianca il Gio Ago 13, 2009 9:34 pm

Nelle biografie pitagoriche viene menzionato un episodio curioso, purtroppo non ho il testo a disposizione, quindi vado a memoria.
E dunque pare che il Samio fece reiterati tentativi per essere ammesso agli insegnamenti dei sacerdoti detentori dei misteri egizi. Per due o tre volte i sacerdoti d' Egitto rifiutarono di accoglierlo come discepolo, fino a quando lo zio lo munì di calici d'oro da portare in dono ai sacerdoti stessi, che finalmente lo accolsero.
Morale pitagorica: la cultura va retribuita.

Bianca

Messaggi : 179
Data d'iscrizione : 30.07.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: LA GRANDEZZA DI PITAGORA

Messaggio  Bianca il Mar Lug 27, 2010 8:21 am

Bianca ha scritto:
Morale pitagorica: la cultura va retribuita.

Indicativamente è da Socrate in poi, cioè da quando egli biasimò i sofisti perchè facevano del loro sapere un mestiere, che si crede che sia legittimo attribuire alla cultura un valore, ma non un prezzo. Bene fecero i sacerdoti detentori dei misteri egizi a farsi pagare!è inteso, non si quantifica il mistero, ma l'impegno profuso dalla persona,la sua formazione, il mantenimento delle strutture culturali, i progetti di miglioramento, e tutto ciò che fa funzionare il processo di fruizione culturale.

Bianca

Messaggi : 179
Data d'iscrizione : 30.07.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La grandezza di di Pitagora

Messaggio  Patty B. il Mer Lug 28, 2010 4:32 pm

Se mi posso permettere di dare un consiglio anche io, per quanto riguarda i filosofi e gli argomenti che avete citato, sulla Storia della Filosofia di Vittorio Mathieu si può trovare qualche cosa altrimenti più dettagliatamente nella Storia della filosofia a cura di Pietro Rossi e Carlo A. Viano edito da Laterza nel primo volume "L'antichità". Patty B.

Patty B.

Messaggi : 78
Data d'iscrizione : 17.01.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: LA GRANDEZZA DI PITAGORA

Messaggio  Bianca il Gio Lug 29, 2010 10:52 am

Grazia cara Patty! Very Happy
Irresistibile Pitagora,che racchiude tensioni orfiche sotto le insegne di Apollo! cheers

Bianca

Messaggi : 179
Data d'iscrizione : 30.07.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: LA GRANDEZZA DI PITAGORA

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum