BEPPE GRILLO, MIGRANTI E TBC

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

BEPPE GRILLO, MIGRANTI E TBC

Messaggio  Admin il Mer Set 03, 2014 5:16 pm

Zio Beppe, ti ho già manifestato in twitter il mio fastidio, e quindi il mio disagio (perché sono un tuo sostenitore e ti difendo a spada tratta, sia nei rapporti comunicativi on line che in quelli fisici) per le tue ultime sortite sulla TBC importata dai migranti, e sulla necessità di chiudere le frontiere. Anche se non ci fosse quest'ultima piaga, che spero non sia già stata accertata, le frontiere andrebbero/andavano chiuse da tempo, perché il nostro Paese non ha più suolo, né case, né lavoro da offrire a nessuno. Accogliere ancora significa solo aumentare il numero dei disperati, dei delinquenti e degli accattoni (l'accattonaggio è il problema minore, ma non si può più fare una passeggiata tranquilla, nelle nostre città), motivare ed acuire il razzismo e l'odio etnico, ed in prospettiva significa fare crollare quelle strutture di volontariato, come le mense della “Caritas”, che presto saranno chiamate a sostenere una quantità impressionante di nuovi poveri italiani. Accogliere ancora non si può, anche se il venerato Papa attuale dicesse il contrario, e quindi le frontiere andrebbero/andavano chiuse, come tu sostieni scoprendo l'acqua calda. Ma non ci dici COME, COME, COME chiudere le frontiere e respingere i nuovi arrivi. Sorvoli sul fatto che non è possibile. Basta un minimo di immaginazione: quando verrà fatto il pattugliamento delle coste, sia che lo effettui una nave militare italiana, sia che lo faccia una nave europea di “FRONTEX PLUS”, e verrà intercettato un barcone carico di migranti diretti verso il nostro Paese; la nave di pattugliamento intimerà agli “invasori” di tornare indietro. Questi non avranno nulla da perdere in quanto disperati, e ignoreranno quindi il divieto pur di non tornare alla loro disperazione di partenza. Proseguiranno dunque la loro rotta verso l'Italia. A questo punto i casi sono due: o si lascerà che il barcone di clandestini giunga fino alle nostre coste, vanificando così la missione e coprendosi di ridicolo, oppure si affonderà il barcone. E non si dovranno raccogliere i naufraghi, si dovrà lasciarli annegare, perché se raccolti dovranno essere portati *provvisoriamente* in
Italia, vanificando così la missione.
Tu, zio Beppe, richiami nel tuo ultimo articoletto le “quarantene” alle quali venivano sottoposti i nostri emigranti negli Stati Uniti, per accertare l'eventuale presenza di malattie infettive. Ma dimentichi, zio Beppe, che quello era un paese ricco e in espansione, assetato di manodopera per le industrie. La nostra povera Italia attuale ha i mezzi per queste misure, quando sta collassando il sistema sanitario per noi? E poi, ti rendi conto, zio Beppe, che se è impossibile non accogliere i sani, è ancora più proibitivo respingere i malati? E non hai pensato al costo della quarantena e delle cure successive per i malati di TBC? E, in alternativa, che è difficilissimo e costosissimo spostare e far rimpatriare dei malati di tubercolosi, in condizione di sicurezza per gli operatori?
Zio Beppe, tu sorvoli su tutte queste impossibilità, nella tua denuncia. Colpevolizzi i governanti, che non sono certo angioletti e sono per lo più a te inferiori sotto il profilo etico ed umano, laddove essi non hanno colpe. Questo è politicamente antigienico, oltre che eticamente scorretto. IL PROBLEMA E' INGESTIBILE, piaccia o non piaccia agli istrioni, ai poeti ed agli artisti impegnati nel sociale. Piaccia o meno a coloro che da sempre aizzano il popolo contro la classe politica, anche laddove non si potrebbe far nulla di meglio.
Scusa la durezza, zio Beppe, io ti amo.


Ultima modifica di Admin il Lun Set 08, 2014 12:11 pm, modificato 6 volte

Admin
Admin

Messaggi : 782
Data d'iscrizione : 10.07.09

Vedere il profilo dell'utente http://vivaibidelli.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: BEPPE GRILLO, MIGRANTI E TBC

Messaggio  Admin il Mer Set 03, 2014 5:20 pm

Io ti amo, zio Beppe, ma ho dimenticato di dirti: tu possiedi solo certezze, e forse un leader deve essere così, ma questo è un caso in cui vorrei vederti vivere nel paradosso insolubile, e nella conseguente angoscia. Come faccio io, nel mio piccolo.
Davide Selis

Admin
Admin

Messaggi : 782
Data d'iscrizione : 10.07.09

Vedere il profilo dell'utente http://vivaibidelli.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum