Su San Remo e su Vecchioni

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Su San Remo e su Vecchioni

Messaggio  Admin il Dom Feb 20, 2011 5:31 pm

Due soggettivissime note: quest'anno io avevo deciso di non seguire il festival della canzone, perché non ne avevo nessuna voglia, con tutto quello che sta capitando nel mondo, e ritengo che lo stesso momento politico e sociale italiano richieda tutto fuorché una evasione. Io penso che la nostra situazione interna richieda di restare mobilitati, di tenersi pronti, perché presto anche noi semplici uomini della strada e della piazza potremmo essere chiamati a fare la nostra parte per una spallata, non violenta nè antidemocratica, ma in difesa dei valori di pace e di democrazia vera.

Ieri sera ho dovuto cambiare i miei piani e seguire la manifestazione canora, perchè facevo il turno di notte e non ho potuto non assecondare il mio collega in servizio con me, che voleva seguire San Remo dall' unico televisore che abbiamo, e nell'unica stanzetta del corpo di guardia adibita al relax.
Ho apprezzato la qualità della manifestazione, molto più alta delle ultime e penultime edizioni. Morandi ha lavorato bene se è vero che è stato non solo il conduttore ma anche il direttore artistico responsabile della selezione dei brani in gara. Molto garbato e gradevole il duetto-revival tra lo stesso Gianni e Massimo Ranieri.

Sono rimasto sorpreso nel vedere partecipare un autore impegnato come Roberto Vecchioni, che animò dal palco la prima grande giornata "NO B. DAY". Mi è parso perlomeno strano che volessi rinunciare a San Remo io, piccolo uomo della strada e della piazza, e non lui, che della stessa piazza si trova al centro, fra i protagonisti ed i promotori culturali. Ma ho saputo dal mio collega che Vecchioni avrebbe accettato solo per fare un piacere a Gianni Morandi, che lo avrebbe pregato di partecipare. Ed allora l' ho giustificato.

La sua canzone, che ha vinto, mi è piaciuta. Come tante altre volte mi sono piaciute le canzoni di Vecchioni, alcune delle quali, vedi "Samarcanda" e "Luci a San Siro", sono per me entusiasmanti. Quanto all' ultima che ho citato, apprezzai molto la valutazione di un critico ben più competente di me, Francesco Guccini, il quale definì "Luci a San Siro" come "la canzone che tutti noi cantautori avremmo voluto scrivere".

Ma non apprezzo di Vecchioni la sua esibita ed autocompiaciuta ambiguità morale, non apprezzo una canzone come "Povero ragazzo". Qui Vecchioni mi fa addirittura, veramente schifo. Macché "povero ragazzo!", mi viene da gridargli. Non trombargli la fidanzata, anziché fare i tuoi porci, viziosi comodi per poi compiangere la vittima e metterti la coscienza in pace. I bidelli sono moralmente severi, professor Vecchioni. I bidelli la bocciano, nonostante tutto, nonostante i suoi meriti.


Ultima modifica di Admin il Dom Feb 20, 2011 11:35 pm, modificato 1 volta

Admin
Admin

Messaggi : 786
Data d'iscrizione : 10.07.09

Vedere il profilo dell'utente http://vivaibidelli.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Su San Remo e su Vecchioni

Messaggio  Admin il Dom Feb 20, 2011 5:38 pm

Ecco un filmato della intensa esibizione a San Remo di Roberto Vecchioni:


Admin
Admin

Messaggi : 786
Data d'iscrizione : 10.07.09

Vedere il profilo dell'utente http://vivaibidelli.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum