Ferrania, un'Italia che non c'è più.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Ferrania, un'Italia che non c'è più.

Messaggio  ivanox il Mer Set 08, 2010 12:01 am

Ferrania, un'Italia che non c'è più.
Al termine della rovinosa e tragica guerra voluta da Mussolini
e finita con la resa senza condizioni, l'Italia si trovava
totalmente distrutta dai bombardamenti alleati che aveva dovuto
subire in modo pesantissimo, seconda solo a Germania e Giappone.

Pur essendo priva di risorse materiali, l'Italia disponeva
di un capitale tecnologico di elevatissima qualità poichè
il regime Fascista, nel corso degli anni trenta, aveva investito
enormi fondi statali per fare dell'Italia una potenza industriale
e militare.

Pur in queste tristi condizioni, nel 1947, la Ferrania riuscì
a produrre, sola in Europa, il materiale per ottenere fotografie
a colori!

Fu un successo ed una affermazione a livello mondiale che portò
ad avere, negli anni successivi, ben 3.400 dipendenti.

Purtroppo, in seguito, la concorrenza dei paesi emergenti
rese insostenibili i costi di produzione italiani e la
Ferrania iniziò a perdere rapidamente i mercati.

Ora si prova a produrre moduli fotovoltaici e sembra arrivino
ordinativi fino al primo trimestre del 2011.
Se tutto andrà come si auspica, vi sarà lavoro per 54 dipendenti.

Di quel vanto Italiano, è rimasta solo una foto ingiallita.
ivanox


ivanox

Messaggi : 114
Data d'iscrizione : 04.03.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ferrania, un'Italia che non c'è più.

Messaggio  Admin il Lun Set 13, 2010 10:18 pm

Caro Ivanox, il "miracolo-Ferrania" fu soltanto una anticipazione di quello che il nostro popolo sarebbe stato capace di fare di lì a poco, nel mitico decennio degli anni '50. Quel decennio nel quale una popolazione stremata seppe risollevarsi, dalle case senza servizi igienici, dalle pezze al culo, dalla voglia disperata di un piatto di lasagne, fino al decollo come potenza industriale mondiale, che avvenne nel decennio successivo.


Questa gloriosa "epopea civile" tutta nostra è molto ben raccontata, con un continuo riferimento alla cronaca dell'epoca, da Marta Boneschi, nel libro: "POVERI MA BELLI (I nostri anni '50), (Mondadori)". In minima parte, io richiamai questo tema in un vecchio topic: http://vivaibidelli.forumattivo.com/viva-i-bidelli-gli-altri-sono-i-belli-e-noi-siamo-i-bidelli-f1/i-nostri-anni-50-t50.htm

Admin
Admin

Messaggi : 786
Data d'iscrizione : 10.07.09

Vedi il profilo dell'utente http://vivaibidelli.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum