L'assalto israeliano alla flottiglia ONG

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

L'assalto israeliano alla flottiglia ONG

Messaggio  Admin il Mar Giu 01, 2010 7:59 am

Non è che vogliamo ignorarlo, far finta di niente...Non troviamo le forze per un commento.
La redazione.

Admin
Admin

Messaggi : 786
Data d'iscrizione : 10.07.09

Vedi il profilo dell'utente http://vivaibidelli.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Occhio per occhio e il mondo diventa cieco.....

Messaggio  Roxy il Mar Giu 01, 2010 1:51 pm

Caro Davide, bisogna parlarne invece, basta vedere certe atrocità commesse da uno stato che usa l'antisemitismo come arma di difesa...il passato è passato...non hanno nessuna giustificazione per questo massacro di civili che chiedevano solo di poter aiutare una popolazione a cui è negato persino il diritto di respirare...TERRORISTI, ASSASSINI..non trovo altre parole..VERGOGNA ISRAELE per le persone come Salvo D'Acquisto, come Giovanni Palatucci, persone che hanno dato la vita per salvare un solo tuo figlio...adesso i pigiami a righe li indossano i Palestinesi e i gerarchi siete voi, questa è la differenza...noi celebriamo la giornata della memoria, peccato che proprio voi avete dimenticato ciò che è stato
IO STO CON ERDOGAN, ISRAELE DEVE ESSERE CONDANNATA PER QUESTO BAGNO DI SANGUE INNOCENTE!
FREE PALESTINE !

Roxy

Messaggi : 35
Data d'iscrizione : 21.07.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Il mondo piange...

Messaggio  Roxy il Mar Giu 01, 2010 3:30 pm




Vorrei capire perchè....

Roxy

Messaggi : 35
Data d'iscrizione : 21.07.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Questa volta è breve

Messaggio  Franz il Mer Giu 02, 2010 12:47 am

Vedo con piacere che Admin ha ripreso in mano la precedente segnalazione su Giulietto Chiesa e il suo nuovo movimento 'Alternativa'.
A differenza del lungo brano dello stesso Chiesa che diede origine a quella segnalazione, questo suo commento intorno all'attacco israeliano è quasi lapidario, ma ugualmente incisivo:


http://www.giuliettochiesa.it/index.php?option=com_k2&view=item&id=1155:da-israele-una-minaccia-di-portata-storica&Itemid=7

Franz

Messaggi : 32
Data d'iscrizione : 26.07.09

Vedi il profilo dell'utente http://www.franz-blog.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'assalto israeliano alla flottiglia ONG

Messaggio  Admin il Gio Giu 03, 2010 4:41 pm

Ricevo e pubblico:

Cari amici,
Il mondo è sotto shock dopo l’attacco israeliano contro una flotta umanitaria diretta a Gaza. E’ l’ora di aprire un’inchiesta approfondita e imparziale -- e mettere fine all’occupazione di Gaza. Firma la petizione e inoltra questo messaggio:


Il sanguinoso raid israeliano contro le navi che trasportavano aiuti umanitari verso la Striscia di Gaza ha scioccato il mondo.

Come ogni altro Stato, Israele ha il diritto di difendersi ma questo è stato un ingiustificato e deplorevole atto di violenza per difendere un altrettanto ingiustificato deplorevole atto di violenza— il blocco di Gaza, dove due terzi delle famiglie rischiano l’emergenza alimentare.

Le Nazioni Unite, l’Unione Europea e quasi ogni governo e organizzazione multilaterale hanno chiesto allo Stato d’Israele di togliere il blocco e, adesso, chiedono l’apertura di un’inchiesta sul raid contro la flotta. Tuttavia, senza le pressioni dell’opinione pubblica, i leader mondiali potrebbero limitarsi a semplici parole di condanna – – come hanno spesso fatto in passato. Facciamo sì che la protesta del mondo sia impossibile da ignorare. Firma la petizione per chiedere un’inchiesta internazionale imparziale sull’assalto, la punizione dei responsabili e la rimozione immediata del blocco di Gaza – – clicca per firmare la petizione e inoltra il messaggio a tutti quelli che conosci:

http://www.avaaz.org/it/gaza_flotilla/?vl

Appena avremo raggiunto 200.000 firme, consegneremo la petizione alle Nazioni Unite e ai Capi di Stato mondiali – e continueremo a farlo via via che le adesioni aumenteranno e i leader dovranno prenderne atto. In momenti critici come questo, una massiccia mobilitazione internazionale può dimostrare ai potenti che brevi commenti e comunicati stampa non bastano – gli occhi del mondo sono su di loro e chiedono giustizia.

Mentre l'UE decide se intensificare i suoi rapporti commerciali con Israele, quando Obama e il Congresso degli Stati Uniti dovranno decidere la spesa militare del prossimo anno a sostegno di Israele, quando i Paesi vicini come Turchia o Egitto dovranno decidere le loro prossime azioni diplomatiche – facciamo sì che la voce del mondo sia impossibile da ignorare: è l’ora della verità e della giustizia sul raid israeliano contro la Freedom Flottilla, è l’ora che Israele si adegui alle leggi internazionali e metta fine al blocco di Gaza. Firma adesso e inoltra il messaggio:

http://www.avaaz.org/it/gaza_flotilla/?vl

Quasi tutti condividiamo lo stesso sogno: vedere Israele e Palestina coesistere l’uno a fianco dell’altro come due Stati liberi. Ma il blocco e la violenza messa in atto per difenderlo impediscono che quel sogno diventi realtà. Queste sono le parole di un giornalista israeliano ai suoi compatrioti apparse sul quotidiano Ha'aretz, "Non stiamo più difendendo Israele. Stiamo difendendo l’occupazione. E l’occupazione di Gaza si sta trasformando nel Vietnam d’Israele."

Migliaia di pacifisti in Israele hanno protestato contro il raid e il blocco in diverse manifestazioni ad Haifa, Tel Aviv e Gerusalemme – unendosi alle molte altre dimostrazioni in tutto il mondo. Indipendentemente da chi per primo abbia aperto il fuoco (l’esercito israeliano sostiene di non aver iniziato la violenza), il governo israeliano ha inviato un commando armato per assaltare una flotta di navi in acque internazionali che portava medicine e rifornimenti alimentari a Gaza.

Questo attacco è costato la vita a molti. Queste vite sono perse per sempre. Ma forse, insieme, possiamo fare sì che questa tragedia sia il seme di una svolta – se lanciamo un forte appello corale in nome della giustizia e della pace.

Con speranza,

Ricken, Alice, Raluca, Paul e tutto il Team Avaaz

FONTI (in inglese):

La diretta di Al Jazeera:
http://blogs.aljazeera.net/middle-east/2010/05/31/live-coverage-israels-flotilla-raid

La diretta del Guardian:
http://www.guardian.co.uk/world/blog/2010/may/31/israel-troops-gaza-ships

"La Seconda Guerra di Gaza: Israele ha perso in mare" - Bradley Burston, Ha'aretz
http://www.haaretz.com/blogs/a-special-place-in-hell/a-special-place-in-hell-the-second-gaza-war-israel-lost-at-sea-1.293246

Un’analisi della violenza dal punto di vista dell’IDF (forze armate israeliane) su Debka, fonti vicine alla intelligence israeliana:
http://debka.com/article/8824/

Il 70% degli abitanti di Gaza sull’orlo dell’emergenza alimentare – rapporto CICR del 2008 citato da Al Jazeera:
http://english.aljazeera.net/focus/2010/05/20105319333613851.html

Analisi delle possibili conseguenze politiche dopo l’assalto alla Freedom Flottilla:
http://www.google.com/hostednews/ap/article/ALeqM5gtowfFjiFD4HYdHuYgxydKNwVRDwD9G2B3880

-----------------------





CHI SIAMO
Avaaz.org è un'organizzazione no-profit e indipendente con 4,9 milioni di membri di tutto il mondo, che lavora con campagne di sensibilizzazione in modo che le opinioni e i valori dei popoli del mondo abbiano un impatto sulle decisioni globali. (Avaaz significa "voce" in molte lingue.) Avaaz non riceve fondi da governi o aziende ed è composta da un team internazionale di persone sparse tra Londra, Rio de Janeiro, New York, Parigi, Washington e Ginevra. +1 888 922 8229

Clicca qui per avere maggiori informazioni sulle nostre campagne.

Non dimenticare di andare a vedere le nostre pagine: Facebook, Myspace e Bebo.


Ricevi questo messaggio perché hai firmato la campagna "METTIAMO AL BANDO LE BOMBE A GRAPPOLO!" il 2008-05-29 usando l'indirizzo davide.selis@alice.it.
Per essere sicuro di ricevere i messaggi di Avaaz aggiungi l'indirizzo avaaz@avaaz.org alla tua rubrica. Per cambiare la tua e-mail, lingua o altri dati, https://secure.avaaz.org/act/index.php?r=profile&user=d748758b7dea06cb524cc22f4abc2c3e&lang=it, oppure cancella il tuo indirizzo.

Non rispondere a questo messaggio. Per metterti in contatto con Avaaz scrivi a info@avaaz.org oppure invia una lettera al nostro ufficio di New York: 857 Broadway, 3rd floor, New York, NY 10003 U.S.A. Se incontri difficoltà tecniche vai al sito http://www.avaaz.org/it.

Admin
Admin

Messaggi : 786
Data d'iscrizione : 10.07.09

Vedi il profilo dell'utente http://vivaibidelli.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

IL BLOCCO DI GAZA SECONDO OBAMA

Messaggio  Admin il Sab Giu 05, 2010 6:21 pm

"QUESTO BLOCCO ORMAI E' INSOSTENIBILE". Così ha appena dichiarato il Presidente USA. Obama, facci sognare. Come ci faceva sognare Bob Kennedy, di cui questa notte ricorrerà l'anniversario della scomparsa.

Admin
Admin

Messaggi : 786
Data d'iscrizione : 10.07.09

Vedi il profilo dell'utente http://vivaibidelli.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'assalto israeliano alla flottiglia ONG

Messaggio  Roxy il Lun Giu 07, 2010 8:41 am

Discorso del Rabbino Mordechi Weberman per la manifestazione della Coalizione Palestinese per il Dritto di Ritrono (Al-Awda NY/NJ) tenutasi il 26 luglio 2002 davanti al Consolato Israeliano


"Ci sono che ci chiedono il perché della nostra partecipazione al corteo dei palestinesi. Perché manifestiamo con la bandiera palestinese in mano ? Perché sosteniamo la causa palestinese ?

“Siete ebrei !” ci dicono, cosa state facendo ?

E la nostra risposta, che vorrei condividere con Voi oggi pomeriggio, è molto semplice.

E' PRECISAMENTE PERCHE' SIAMO EBREI CHE STIAMO MANIFESTANDO CON I PALESTINESI, ALZANDO IN MANO LA BANDIERA PALESTINESE.
E' PROPRIO PERCHE' SIAMO EBREI CHE STIAMO CHIEDENDO IL RITORNO DEI PALESTINESI ALLE LORO CASE E LA RESTITUZIONE DELLE LORO PROPRIETA.!

Sì, la nostra Torah ci obbliga ad essere giusti. Siamo obbligati a perseguire la giustizia. E cosa c'è di più ingiusto del programma del movimento sionista, in atto da un secolo, di invadere le terre di un altro popolo, di espellere la gente ed espropriarla dei suoi beni ?

I primi sionisti hanno dichiarato di essere un popolo senza terra, diretto verso una terra senza popolo. A parole, un'impresa innocente. Ma le parole erano totalmente e profondamente false.

La Palestina era una paese appartenente ad un popolo. Un popolo che stava sviluppando una consapevolezza nazionale.

Per noi non vi è alcun dubbio che se i profughi ebrei fossero arrivati in Palestina non con l'intenzione di dominare, non con l'intenzione di crearvi uno Stato degli Ebrei, non con l'intenzione di espropriare, non con l'intenzione di spogliare i palestinesi dai loro diritti fondamentali, essi sarebbero stati i benvenuti dei palestinesi, godendo della stessa ospitalità che popoli musulmani avevano offerto agli ebrei durante il corso della storia. E in tale caso, saremmo vissuti insieme come ebrei e musulmani sino vissuti insieme in precedenza, in pace ed armonia.

Amici musulmani e palestinesi nel mondo, Vi prego di ascoltare il nostro messaggio:

Ci sono ebrei in questo mondo che sostengono la Vostra causa. E quando diciamo di sostenere la Vostra causa, non ci riferiamo ad alcun piano di spartizione come quello proposto nel 1947 dall'ONU che non aveva alcun diritto di farlo.

Quando diciamo di sostenere la Vostra causa non intendiamo i progetti di spartire la Cisgiordania e di tagliarla in pezzi, come fu proposto da Barak a Camp David e non ci riferiamo alle proposte di offrire giustizia per meno del 10% dei profughi.

Noi intendiamo niente meno che la restituzione della Palestina intera, Gerusalemme inclusa, alla sovranità dei palestinesi !

A questo punto, principi di equità richiedono che saranno i palestinesi a decidere se gli ebrei e quanti di loro rimarranno nel Paese.

Questa è l'unica strada che potrà condurre ad una vera riconciliazione.
Ma noi andiamo oltre. NOI riteniamo che non sarà sufficiente riconsegnare le terre ai loro proprietari legittimi. Non ce la caveremo con questo.

Occorre chiedere scusa al popolo palestinese, in modo chiaro e preciso. Il sionismo Vi ha fatto un torto. Il sionismo Vi ha rubato le Vostre case. Il sionismo Vi ha rubato la Vostra terra.

Facendo queste dichiarazioni, noi dichiariamo davanti al mondo che siamo il popolo della Torah, che la nostra religione ci obbliga ad essere onesti e a comportarci con equità, ad essere giusti, fare del bene ed essere gentili.
Abbiamo partecipato a centinaia di manifestazioni a favore dei palestinesi durante gli anni passati ed ovunque andiamo, gli organizzatori ed i partecipanti ci salutano con il consueto calore dell'ospitalità orientale. Che atroce bugia dire che i palestinesi in particolare ed i musulmani in generale avrebbero in odio gli ebrei ! Voi odiate l'ingiustizia, non gli ebrei.
Non abbiate paura, amici miei. Il male non potrà trionfare per molto tempo. L'incubo sionista si sta per finire. Si è consumato. Le sue recenti brutalità sono il rantolo del malato terminale.

Noi e Voi vivremo ancora quando arriverà il giorno che ebrei e palestinesi si abbracceranno, per celebrare la pace, sotto la bandiera palestinese a Gerusalemme.

Ed infine, quando il Redentore dell'umanità sarà arrivato, le sofferenze di oggi saranno dimenticate da molto tempo, rimosse dalle benedizioni del presente."

Roxy

Messaggi : 35
Data d'iscrizione : 21.07.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'assalto israeliano alla flottiglia ONG

Messaggio  Admin il Lun Giu 07, 2010 9:04 am

Roxy ha scritto:Discorso del Rabbino Mordechi Weberman per la manifestazione della Coalizione Palestinese per il Dritto di Ritrono (Al-Awda NY/NJ) tenutasi il 26 luglio 2002 davanti al Consolato Israeliano


"Ci sono che ci chiedono il perché della nostra partecipazione al corteo dei palestinesi. Perché manifestiamo con la bandiera palestinese in mano ? Perché sosteniamo la causa palestinese ?

“Siete ebrei !” ci dicono, cosa state facendo ?

E la nostra risposta, che vorrei condividere con Voi oggi pomeriggio, è molto semplice.

E' PRECISAMENTE PERCHE' SIAMO EBREI CHE STIAMO MANIFESTANDO CON I PALESTINESI, ALZANDO IN MANO LA BANDIERA PALESTINESE.
E' PROPRIO PERCHE' SIAMO EBREI CHE STIAMO CHIEDENDO IL RITORNO DEI PALESTINESI ALLE LORO CASE E LA RESTITUZIONE DELLE LORO PROPRIETA.!

Sì, la nostra Torah ci obbliga ad essere giusti. Siamo obbligati a perseguire la giustizia. E cosa c'è di più ingiusto del programma del movimento sionista, in atto da un secolo, di invadere le terre di un altro popolo, di espellere la gente ed espropriarla dei suoi beni ?

I primi sionisti hanno dichiarato di essere un popolo senza terra, diretto verso una terra senza popolo. A parole, un'impresa innocente. Ma le parole erano totalmente e profondamente false.

La Palestina era una paese appartenente ad un popolo. Un popolo che stava sviluppando una consapevolezza nazionale.

Per noi non vi è alcun dubbio che se i profughi ebrei fossero arrivati in Palestina non con l'intenzione di dominare, non con l'intenzione di crearvi uno Stato degli Ebrei, non con l'intenzione di espropriare, non con l'intenzione di spogliare i palestinesi dai loro diritti fondamentali, essi sarebbero stati i benvenuti dei palestinesi, godendo della stessa ospitalità che popoli musulmani avevano offerto agli ebrei durante il corso della storia. E in tale caso, saremmo vissuti insieme come ebrei e musulmani sino vissuti insieme in precedenza, in pace ed armonia.

Amici musulmani e palestinesi nel mondo, Vi prego di ascoltare il nostro messaggio:

Ci sono ebrei in questo mondo che sostengono la Vostra causa. E quando diciamo di sostenere la Vostra causa, non ci riferiamo ad alcun piano di spartizione come quello proposto nel 1947 dall'ONU che non aveva alcun diritto di farlo.

Quando diciamo di sostenere la Vostra causa non intendiamo i progetti di spartire la Cisgiordania e di tagliarla in pezzi, come fu proposto da Barak a Camp David e non ci riferiamo alle proposte di offrire giustizia per meno del 10% dei profughi.

Noi intendiamo niente meno che la restituzione della Palestina intera, Gerusalemme inclusa, alla sovranità dei palestinesi !

A questo punto, principi di equità richiedono che saranno i palestinesi a decidere se gli ebrei e quanti di loro rimarranno nel Paese.

Questa è l'unica strada che potrà condurre ad una vera riconciliazione.
Ma noi andiamo oltre. NOI riteniamo che non sarà sufficiente riconsegnare le terre ai loro proprietari legittimi. Non ce la caveremo con questo.

Occorre chiedere scusa al popolo palestinese, in modo chiaro e preciso. Il sionismo Vi ha fatto un torto. Il sionismo Vi ha rubato le Vostre case. Il sionismo Vi ha rubato la Vostra terra.

Facendo queste dichiarazioni, noi dichiariamo davanti al mondo che siamo il popolo della Torah, che la nostra religione ci obbliga ad essere onesti e a comportarci con equità, ad essere giusti, fare del bene ed essere gentili.
Abbiamo partecipato a centinaia di manifestazioni a favore dei palestinesi durante gli anni passati ed ovunque andiamo, gli organizzatori ed i partecipanti ci salutano con il consueto calore dell'ospitalità orientale. Che atroce bugia dire che i palestinesi in particolare ed i musulmani in generale avrebbero in odio gli ebrei ! Voi odiate l'ingiustizia, non gli ebrei.
Non abbiate paura, amici miei. Il male non potrà trionfare per molto tempo. L'incubo sionista si sta per finire. Si è consumato. Le sue recenti brutalità sono il rantolo del malato terminale.

Noi e Voi vivremo ancora quando arriverà il giorno che ebrei e palestinesi si abbracceranno, per celebrare la pace, sotto la bandiera palestinese a Gerusalemme.

Ed infine, quando il Redentore dell'umanità sarà arrivato, le sofferenze di oggi saranno dimenticate da molto tempo, rimosse dalle benedizioni del presente."
Dopo questo intervento sono tentato di chiudere il forum per alcuni giorni, per dare il giusto rilievo a questo discorso almeno in questo forum, per impedire che venga messo in ombra da conversazioni più leggere. Grazie Rossana.

Admin
Admin

Messaggi : 786
Data d'iscrizione : 10.07.09

Vedi il profilo dell'utente http://vivaibidelli.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'assalto israeliano alla flottiglia ONG

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum